Video Intervista: Mr. Patrik Romano, Managing Director of Bologna Congressi

Home » News » Video Intervista: Mr. Patrik Romano, Managing Director of Bologna Congressi

Sig. Romano, qual è la missione di Bologna Congressi?

Siamo in grado di gestire le principali strutture per conferenze di Bologna: il Palazzo dei Congressi, situato nel quartiere fieristico e il Palazzo Re Enzo in Piazza Maggiore, sede storica per tutti gli eventi extra legati a conferenze. All’interno del Palazzo dei Congressi c’è anche il più grande teatro di Bologna, con 1380 posti a sedere e un’intensa attività di 80 spettacoli all’anno, che evidenzia la nostra vocazione come organizzazione polifunzionale. Siamo in grado di fornire un servizio a 360 gradi che non sia limitato alla sede della conferenza. Infatti, uno dei nostri dipartimenti è dedicato alla gestione degli eventi, mentre l’altro, il reparto di viaggio, soddisfa le esigenze dei nostri clienti per tutta la durata della conferenza, fornendo gli stessi servizi di un’agenzia di viaggi, ma prendendo cura anche dei loro contatti e le relazioni con la città. Negli ultimi mesi abbiamo anche creato Bologna Welcome, società spin-off di Bologna Congressi, che funge da Ufficio di Convenzione e Visitatori, prendendo cura della promozione e della ricezione nella Città Metropolitana di Bologna.

Qual è la tua strategia per competere sul mercato internazionale?

Ci affidiamo a tutti gli strumenti tradizionali, come la presenza a fiere, i contatti con i principali PCO internazionali e le attività di scouting. Bologna può essere un vero e proprio centro di gravità, non solo per la sua posizione centrale in Italia, ma anche per quanto riguarda la cultura e la scienza. Le persone si sono sempre riunite qui per condividere le conoscenze, i nostri portici sono stati progettati per dare a tutti l’opportunità di camminare, parlare e scambiare informazioni. Questi sono tutti elementi che contribuiscono ad un’immagine positiva di Bologna all’estero. Inoltre, l’aeroporto Marconi assicura numerosi collegamenti con le principali città europee. Il nostro compito è sistematizzare tutte queste risorse e migliorare il nostro scambio culturale.


Come si sviluppa la vostra collaborazione con la regione Emilia-Romagna?

La crescita è essenziale ed è possibile ottimizzare le connessioni con la linea ferroviaria ad alta velocità.
Dobbiamo continuare a credere nel nostro aeroporto e migliorare i collegamenti dei trasporti con i nostri impianti di conferenza.

Potresti citare un paio di storie di casi di successo?

Vorrei ricordare le principali conferenze internazionali organizzate con i PCO europei. Per usare una metafora di calcio, direi che era come giocare nella Champions League. Un’esperienza che ci mette alla prova, ci dà diversi punti di vista e ci spinge a lavorare di più e ad curare meglio i dettagli.

Come immaginate Bologna in futuro?

Bologna è e sarà una destinazione importante della conferenza e la città sta investendo in questa direzione. La creazione di Welcome Bologna lo dimostra; i principali attori della città si uniscono al progetto perché credono nel segmento della conferenza.
È in corso un rinnovo globale della struttura per le conferenze all’interno del quartiere fieristico.
Inoltre, l’aeroporto, la ferrovia ad alta velocità, l’Università, gli ospedali, insieme ad un’amministrazione che presta attenzione a questi problemi, rende Bologna una destinazione molto attraente. I partecipanti alle conferenze lo apprezzano e il nostro compito è proprio quello di far conoscere la città e le sue grandi potenzialità.

Comments are closed.