Video Intervista: Mr. Patrik Romano, Managing Director of Bologna Congressi

Sig. Romano, qual è la missione di Bologna Congressi?

Siamo in grado di gestire le principali strutture per conferenze di Bologna: il Palazzo dei Congressi, situato nel quartiere fieristico e il Palazzo Re Enzo in Piazza Maggiore, sede storica per tutti gli eventi extra legati a conferenze. All’interno del Palazzo dei Congressi c’è anche il più grande teatro di Bologna, con 1380 posti a sedere e un’intensa attività di 80 spettacoli all’anno, che evidenzia la nostra vocazione come organizzazione polifunzionale. Siamo in grado di fornire un servizio a 360 gradi che non sia limitato alla sede della conferenza. Infatti, uno dei nostri dipartimenti è dedicato alla gestione degli eventi, mentre l’altro, il reparto di viaggio, soddisfa le esigenze dei nostri clienti per tutta la durata della conferenza, fornendo gli stessi servizi di un’agenzia di viaggi, ma prendendo cura anche dei loro contatti e le relazioni con la città. Negli ultimi mesi abbiamo anche creato Bologna Welcome, società spin-off di Bologna Congressi, che funge da Ufficio di Convenzione e Visitatori, prendendo cura della promozione e della ricezione nella Città Metropolitana di Bologna.

Qual è la tua strategia per competere sul mercato internazionale?

Ci affidiamo a tutti gli strumenti tradizionali, come la presenza a fiere, i contatti con i principali PCO internazionali e le attività di scouting. Bologna può essere un vero e proprio centro di gravità, non solo per la sua posizione centrale in Italia, ma anche per quanto riguarda la cultura e la scienza. Le persone si sono sempre riunite qui per condividere le conoscenze, i nostri portici sono stati progettati per dare a tutti l’opportunità di camminare, parlare e scambiare informazioni. Questi sono tutti elementi che contribuiscono ad un’immagine positiva di Bologna all’estero. Inoltre, l’aeroporto Marconi assicura numerosi collegamenti con le principali città europee. Il nostro compito è sistematizzare tutte queste risorse e migliorare il nostro scambio culturale.


Come si sviluppa la vostra collaborazione con la regione Emilia-Romagna?

La crescita è essenziale ed è possibile ottimizzare le connessioni con la linea ferroviaria ad alta velocità.
Dobbiamo continuare a credere nel nostro aeroporto e migliorare i collegamenti dei trasporti con i nostri impianti di conferenza.

Potresti citare un paio di storie di casi di successo?

Vorrei ricordare le principali conferenze internazionali organizzate con i PCO europei. Per usare una metafora di calcio, direi che era come giocare nella Champions League. Un’esperienza che ci mette alla prova, ci dà diversi punti di vista e ci spinge a lavorare di più e ad curare meglio i dettagli.

Come immaginate Bologna in futuro?

Bologna è e sarà una destinazione importante della conferenza e la città sta investendo in questa direzione. La creazione di Welcome Bologna lo dimostra; i principali attori della città si uniscono al progetto perché credono nel segmento della conferenza.
È in corso un rinnovo globale della struttura per le conferenze all’interno del quartiere fieristico.
Inoltre, l’aeroporto, la ferrovia ad alta velocità, l’Università, gli ospedali, insieme ad un’amministrazione che presta attenzione a questi problemi, rende Bologna una destinazione molto attraente. I partecipanti alle conferenze lo apprezzano e il nostro compito è proprio quello di far conoscere la città e le sue grandi potenzialità.

Video Intervista: Claudio Franchini, il Direttore di Parma Incoming

Qual è la missione di Parma Incoming e il suo modo di operare?

La nostra missione è promuovere il turismo in modo ampio nell’area di Parma, concentrando la nostra attenzione sia sul turismo di svago che sul turismo congressuale. L’industria MICE rappresenta una parte significativa del nostro budget, considerando che i più importanti centri di conferenze che sono stati costruiti nella nostra città nei primi anni 2000. Per questa ragione, Parma è diventata una destinazione di conferenza molto attraente, con una buona posizione anche sul mercato internazionale.

Quali sono i punti principali dell’eccellenza e della competitività di Parma Incoming e dell’intero settore della conferenza?

Parma si trova al centro dell’Italia settentrionale e le infrastrutture stradali lo rendono facilmente accessibile. È una città relativamente piccola, dove i movimenti sono semplici e veloci. Con i suoi eccellenti alberghi e alloggi, Parma può ospitare diversi tipi di conferenze e un numero di partecipanti che vanno da 50 a 3.500 persone. Inoltre, è una città molto attraente per eventi pre e post-conferenze, grazie ai suoi molti punti di interesse. Infatti, Parma è diventata molto conosciuta nel corso degli anni per la sua elevata qualità della vita e la sua eccellente tradizione enogastronomica, due elementi di grande fascino in Italia e all’estero.

Potresti darci una panoramica delle innovazioni
che potrebbe scaturire una tendenza alla crescita?

La crescita è essenziale ed è possibile ottimizzare le connessioni con la linea ferroviaria ad alta velocità.
Dobbiamo continuare a credere nel nostro aeroporto e migliorare i collegamenti dei trasporti con le nostre strutture per le conferenze.

Come funziona Parma Incoming, quali sono le tue proposte per attirare clienti internazionali e per competere con successo nei mercati esteri?

Dieci anni fa Parma era poco conosciuta all’estero come destinazione per le conferenze, per questo motivo la nostra strategia principale era quella di attrarre operatori internazionali e farli vedere l’eccellenza della nostra città.
Abbiamo partecipato alle più importanti fiere internazionali e mostre tenute nelle principali città italiane come Roma, Milano, Firenze e Torino, al fine di promuovere la nostra offerta. Abbiamo anche realizzato una serie di visite didattiche per gli operatori, che hanno prodotto ottimi risultati. Una volta che la nostra città viene conosciuta, è sempre molto apprezzata.

Collaborazione con la regione Emilia-Romagna:
un valore aggiunto.

L’attività di coordinamento gestita dalla regione Emilia-Romagna nel settore della conferenza è stata molto favorevole ad una società come la nostra. Ha creato una stretta collaborazione tra gli operatori del settore, portando così ad un’unità; un approccio partecipativo e inclusivo che abbiamo veramente apprezzato.
Oggi sappiamo che le risorse sono limitate e la vera sfida è continuare a credere nel turismo congressuale, che ha un valore molto elevato e quindi un grande potenziale.


 

In che modo questo territorio e la sua eccellenza nel turismo potrebbero influenzare il programma post-conferenza e / o la scelta della destinazione?

A Parma ci sono due funzionali e bellissime strutture per conferenze, l’Auditorium Niccolò Paganini e la Palacassa, ma gli eventi pre- e post-conferenza sono fondamentali, soprattutto in una zona così bella: castelli, ville, cene di gala esclusive e tour enogastronomici, con prodotti di eccellenza come il prosciutto di Parma e il Parmigiano Reggiano che sono molto famosi e ricercati in Italia e all’estero. Negli ultimi anni abbiamo sviluppato molti eventi legati a conferenze, basandosi sul prestigioso e attraente nome di Giuseppe Verdi.

Potresti citare un paio di storie di casi di successo?

Ripensando a alcune storie di casi particolarmente riusciti, vorrei ricordare le 800 persone che sono venute a partecipare ad un vertice internazionale all’Auditorium Paganini. In un primo momento, questo evento molto importante sembrava destinato a svolgersi a Firenze, ma è stato tenuto qui a Parma grazie alla stretta collaborazione tra l’organizzazione fieristica di Parma e il nostro Comune. Tutto ha funzionato veramente bene, un ottimo esempio di ciò che può essere raggiunto quando i settori pubblico e privato lavorano insieme. Un altro evento nazionale significativo è stato organizzato da un’importante banca presso la Palacassa,
in un mese particolare come dicembre, Parma ha ospitato 3.500 persone, incontrando molto bene le diverse esigenze degli operatori e ha beneficiato dell’impatto economico positivo, mostrando il suo volto migliore.

Come immaginate il futuro di Parma Incoming?

C’è ancora possibilità per migliorare, ma oggi sono molto contento dell’opera di Parma Incoming
e lo vorrei continuare in questo modo, con la stessa qualità e professionalità. Siamo un punto di riferimento nel settore della conferenza, la nostra conoscenza del territorio aumenta notevolmente il valore di una conferenza tenuta qui. La direzione presa è quella giusta, ora dobbiamo insistere e consolidare questi risultati.

Eccellenze MICE in Emilia Romagna - un intervista con Edin Muminovich

Eccellenze Mice in Emilia Romagna

Un tour educativo per 12 acquirenti europei si è svolto in Emilia Romagna dal 27 al 30 ottobre 2013.
A Parma 11 operatori locali e specialisti hanno incontrato acquirenti stranieri per un workshop: l’obiettivo era quello di introdurre l’Emilia Romagna come meta ideale per le offerte Incentive, Meetings e Conferenze.
Un acquirente tedesco, Edin Muminovich, CEO di Tourism Affair (DE), delinea due eccellenze regionali, che possono condurre l Emilia Romagna a diventare un territorio cruciale per Mice industry. I tedeschi sono veramente desiderosi di automobili e di prodotti alimentari e ER offre prodotti unici in entrambi i campi. La Germania è fortemente interessata alle auto per le sue realtà storiche nazionali: esperti e operatori partecipano a molte presentazioni in tutto il mondo.
Emilia Romagna è eccellente e conosciuta all’estero per la produzione di automobili e la regione è un territorio preferito per ospitare questo tipo di eventi.
D’altra parte i tedeschi e gli stranieri in generale cercano la degustazione di cibo locale e originale. Edin Muminovich sottolinea Parma, sede del workshop: la città si adatta perfettamente al concetto per la sua magnifica tradizione alimentare di prosciutto e formaggio.